Sergio Venturi preannuncia le dimissioni dal Cda dell’Aifa

Pubblicato il: 16 Maggio 2019|

L’assessore della Regione Emilia-Romagna, Sergio Venturi, ha annunciato alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome le proprie dimissioni da componente del Consiglio di amministrazione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Aifa senza un presidente

“Sono passati cinque mesi – ricorda Venturi – da quando la Conferenza delle Regioni ha avanzato, in modo unanime, la candidatura di Antonio Saitta alla Presidenza dell’Aifa. Da allora nonostante le assicurazioni del Governo e l’impegno assicurato, non è accaduto nulla. Vale la pena di ricordare che ad agosto si è dimesso il precedente Presidente Stefano Vella e da allora l’Aifa è priva di un Presidente. Ed è opportuno sottolineare – prosegue Venturi – che la Conferenza delle Regioni diede responsabilmente il proprio assenso alla nomina dell’attuale Direttore generale, Luca Li Bassi, pur non avendo ricevuto alcuna informazione preventiva né tantomeno il curriculum del candidato proposto dal Ministero, ma avendo appreso le intenzioni del Ministro dagli organi di informazione.

Il lavoro all’Aifa e le mancanza del Governo

In questi mesi – continua Venturi – tutti i componenti del CdA di Aifa hanno partecipato alle riunioni, nelle quali basta un’assenza perché vengano bloccate le decisioni. I rappresentanti delle Regioni hanno dimostrato grande senso di responsabilità permettendo il varo del bilancio dell’Agenzia, l’approvazione di nuove molecole e altre importanti misure. Ora però – conclude Venturi – c’è bisogno di un fattivo impegno del Governo, ricordando che le Regioni proponendo Antonio Saitta hanno indicato, non solo un amministratore di grande esperienza e preparato ma il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, a garanzia di equilibrio e competenza”.

Tag: Aifa / Regione Emilia Romagna /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE