Trial clinici, Ema lavora a linee guida per la notifica di violazioni delle regole

Perdita di staff per Ema
Pubblicato il: 31 Maggio 2017|

Dosaggi sbagliati, catena del freddo interrotta, esami diagnostici senza rispettare i protocolli. Sono alcuni esempi di violazioni delle regole che possono verificarsi durante una sperimentazione clinica. E che devono essere segnalate tempestivamente. Per questo, l’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha avviato una consultazione pubblica sulle “Linee guida per la notifica delle violazioni gravi delle norme che regolano le sperimentazioni cliniche”.

Le Linee guida puntano a stabilire i criteri per classificare le violazioni e individuare quelle gravi, indicando le modalità pratiche per segnalarle e alcune possibili misure da attuare in caso di violazioni notificate. La violazione è definita grave quando può influire in modo significativo sulla sicurezza e i diritti dei pazienti, sull’affidabilità e solidità dei dati prodotti durante la ricerca.

Secondo l’Ema, lo sponsor, i partner e le organizzazioni di ricerca coinvolte in una
sperimentazione devono comunicare, entro sette giorni, le violazioni emerse. Gli sponsor, in particolare, devono fare un’analisi approfondita per identificarne le cause e valutare l’impatto sul valore scientifico della sperimentazione, la sicurezza e i diritti dei partecipanti. Ma niente allarmismi: nella maggior parte dei casi – spiega l’agenzia – le deviazioni dai protocolli sulla sperimentazione clinica e dalla buona pratica clinica (GCP) sono di tipo tecnico e non provocano danni ai soggetti coinvolti, né incidono in modo significativo sul valore scientifico dei risultati.

Tag: consultazione / Ema / linee guida / ricerca / Sperimentazioni cliniche / trial / violazioni /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE