Censis: quale futuro per il rapporto medico-paziente

Pubblicato il: 3 Ottobre 2012|

Di fronte a un problema di salute il 73,2% degli italiani ritiene più importante capire cosa sta succedendo piuttosto che trovare subito il rimedio più efficace (26,8%). Il dato in aumento rispetto al 2006 (64,9 %) evidenzia la crescente responsabilizzazione individuale e la maggiore partecipazione al percorso diagnostico e terapeutico. Questi i risultati di una ricerca realizzata dal Centro di ricerca Censis nell’ambito delle attività del Forum per la Ricerca Biomedica, presentata il primo di ottobre a Roma.
“Negli ultimi dieci anni – spiega Giuseppe De Rita, Presidente del Censis – i due pallini fissi dell’italiano medio in ambito salute sono stati: come arrivare al farmaco e cosa dicono i media della Sanità. Oggi invece, per capire il problema, più che risolverlo subito, si torna a dialogare con il medico”.
Gli italiani si definiscono in maggioranza (il 59,7%) molto o abbastanza aggiornati sui temi sanitari,la principale fonte d’informazione non è più la televisione, ma internet utilizzato dal 32,4% degli intervistati, di cui il 20,7% sono laureati: ciò indica che più il grado di scolarizzazione è elevato e maggiore è l’utilizzo del web.
Lo spazio dedicato dai mass media ai temi legati al benessere, agli stili di vita e alla bellezza appare eccessivo al 48,5% degli italiani, mentre è giudicato scarso quello dedicato alle malattie rare (lo pensa il 65%) e alla ricerca (60,1%).Il ruolo dei mass media appare ridimensionato nella determinazione dei comportamenti individuali, mentre invece l’importanza del rapporto tra il medico e il paziente nel definire il percorso clinico viene ampiamente riconosciuta.

Tag: Biomedica / censis / medico / paziente / salute / web /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE