Ecco i dieci maggiori rischi per la salute legati alle tecnologie sanitarie

Pubblicato il: 20 Dicembre 2016|

Dieci rischi tecnologici che possono danneggiare la salute dei pazienti. L’elenco è stato appena reso noto dall’Emergency Care Research Institute (Ecri) americano che ogni anno pubblica il suo Health Technology Hazard, report che offre agli operatori la sintesi dei rischi più attuali tra quelli legati alle tecnologie sanitarie. Per l’Italia il report Ecri è pubblicato dall’Associazione Italiana Ingegneri Clinici (Aiic) ed è stato presentato a margine della Conferenza nazionale sui dispositivi medici in corso a Roma.

I dieci “rischi tecnologici” del 2017 identificati da Ecri sono i seguenti:

  1. Gli errori di infusione possono essere fatali se vengono trascurate alcune semplici misure di sicurezza;
  2. La pulizia inadeguata di strumenti riutilizzabili complessi può causare infezioni;
  3. Non rilevare gli allarmi dei ventilatori può portare a danni ai pazienti;
  4. Mancata rilevazione di depressione respiratoria indotta da oppiacei;
  5. Rischi di infezione con dispositivi per riscaldamento-raffreddamento utilizzati in chirurgia cardiotoracica;
  6. Le carenze nella gestione dei software mettono a rischio i pazienti e i loro dati;
  7. Rischi di esposizione professionale a radiazioni nelle sale operatorie ibride;
  8. Gli errori di impostazione e utilizzo degli armadi per la distribuzione automatizzata dei farmaci possono causare incidenti;
  9. Uso improprio e malfunzionamenti delle suturatrici meccaniche chirurgiche;
  10. Malfunzionamenti dei dispositivi dovuti a prodotti e metodi di pulizia.

Tag: AIIC / Associazione Italiana Ingegneri Clinici / rischio clinico /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE