Rossi a Lorenzin: “La legge sull’intramoenia va abolita”

Pubblicato il: 24 Marzo 2016|

“Non si dispiaccia la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, ma la legge sull’intramoenia va abolita e io mi adopererò in tal senso, disponibile peraltro ad ogni confronto in tutte le sedi opportune”. Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, replica così alle dichiarazioni della responsabile del dicastero della Salute, rilasciate oggi a margine dell’incontro con la Conferenza delle Regioni, dove sono stati affrontati i temi principali del Patto per la Salute.
“Nella mia Regione, come del resto in altre, molto è stato fatto – precisa Rossi – per ridurre i disagi dei cittadini e per garantirne l’uguaglianza nell’accesso alle prestazioni sanitarie. Ora, però, è giunto il momento di intervenire con un nuovo strumento legislativo, che sia in grado di ridurre il lucro e il profitto privato quando si esercita in una struttura pubblica”.
“Quanto alla mia assenza dall’incontro di oggi a Roma – precisa il governatore della Toscana – sono certo che la ministra ne comprenderà le ragioni. Stamani un aereo dell’Aeronautica militare ha riportato in Italia, all’aeroporto di Pisa, le quattro salme delle studentesse Erasmus decedute nel tragico incidente in Catalogna. Era mio dovere istituzionale accoglierle, insieme alle altre autorità di governo presenti”.

Tag: Beatrice Lorenzin / Conferenza delle Regioni / Enrico Rossi / intramoenia / Patto per la Salute /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE