Leads, nasce un premio per valorizzare la leadership femminile nella sanità

Pubblicato il: 30 Novembre 2021|

Assegnare alle donne il ruolo che meritano. Anche e soprattutto nella sanità. Con questo obiettivo nasce il premio “Leads”, il riconoscimento istituito dall’associazione Donne leader in sanità per le aziende pubbliche e private che si sono distinte nel promuovere la leadership al femminile.

Il concorso

Il concorso è aperto a enti pubblici o privati accreditati, ad aziende e associazioni, onlus, enti del terzo settore che attraverso i loro progetti hanno favorito nel corso del 2020 la parità di genere nei percorsi professionali di crescita e nelle organizzazioni pubbliche e private in ambito sanitario. Tante sono le strade che concorrono a creare un terreno più inclusivo nel lavoro, come le buone prassi che eliminano i gender e salary gap, la formazione e l’accesso delle donne a ruoli chiave, il cambio culturale.

Bando e giuria

La partecipazione al premio è gratuita e si possono inviare i progetti aderendo al bando, entro il 17 gennaio 2022 alle ore 13. A selezionare le candidature e decretare i progetti più meritevoli sarà una giuria presieduta dalla deputata Beatrice Lorenzin, già ministra della Salute, e formata da opinion leader del settore come Renato Balduzzi, Carolina Gianardi, Lella Golfo, Maurizia Iachino, Paola Mascaro, Alessia Mosca, Maurizio Sacconi, Livia Turco. I vincitori saranno decretati nel corso di una cerimonia di premiazione in programma il prossimo 11 febbraio, in occasione della settima edizione della giornata internazionale per le Donne e le ragazze nella scienza.

Donne leader in sanità

Patrizia Ravaioli, presidente dell’associazione Donne leader in sanità, un network che si propone di incoraggiare la leadership femminile nel settore della sanità e delle scienze della vita e di favorire il superamento delle disuguaglianze uomo-donna, ha sottolineato come “in Italia tanto è stato fatto per assegnare alle donne il ruolo che meritano, in un’ottica meritocratica e non discriminatoria, ma molto altro resta ancora da fare”. Il 69% delle strutture sanitarie nel nostro Paese è diretto da uomini che ricoprono anche l’80% degli incarichi di leadership. I direttori generali donne sono soltanto il 18%, anche se si ha più del 60% del personale sanitario femminile. Così nasce l’idea di organizzare un premio “che possa valorizzare gli enti pubblici e privati che sia siano contraddistinti per aver promosso la leadership al femminile attraverso politiche e best practice di successo, soprattutto in un periodo di emergenza come questo in cui le donne sono state protagoniste nella gestione della pandemia”, ha concluso la Ravaioli.

Tag: donne / gender gap / parità di genere / sanità /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE