Regioni, su 20 solo 6 hanno Reti oncologiche attive

Pubblicato il: 5 Maggio 2017|

Solo sei regioni hanno una rete oncologica attiva. Questo è l’allarme che lancia Maurizio Tomirotti, presidente uscente di Cipomo (Collegio italiano dei primari oncologi medici ospedalieri) in occasione del XXI Congresso nazionale di Cipomo che si è aperto il 4 maggio a Palermo e chiuderà i lavori il 6. “Sebbene l’Italia sia uno dei paesi più all’avanguardia in campo oncologico, il problema delle reti rimane molto grave. Le Reti Oncologiche Regionali infatti – continua Tomirotti – sono molto importanti in quanto migliorano la qualità delle cure e razionalizzano le risorse. Per questo è necessario implementarle secondo linee di indirizzo comuni, sviluppando una regia efficace tra gli organismi di governance (Ministero, Authorities, Regioni), rivedendo le modalità di finanziamento e di accesso alle risorse con razionalità, onestà e con l’esclusivo obiettivo di garantire non tutto a tutti bensì tutto quanto è davvero utile ai cittadini e ai pazienti che davvero se ne possono giovare”.
Aggiunge Paolo Tralongo, presidente del Congresso; “grazie ai numerosi progressi terapeutici e alla diagnosi precoce, il numero di sopravvissuti al cancro negli ultimi trent’anni si è quasi triplicato. In Italia, infatti, il numero stimato di persone che vivono dopo una precedente diagnosi di cancro è superiore ai tre milioni; di questi – conclude Tralongo – più del 60% presenta un tempo alla diagnosi di almeno cinque anni e più di 700 mila sono considerati “guariti”.

Tag: Cipomo / oncologia / reti oncologiche regionali /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE