Congresso Sigg, serve un “tagliando” per le terapie degli over 65

Pubblicato il: 2 Dicembre 2016|

Per le terapie a persone anziane serve un “aggiustamento” perché in Italia tre milioni di ricoveri l’anno sono per reazioni avverse proprio perché manca un “ritocco” delle terapie. Il problema, però, è che questi aggiustamenti, sempre più spesso, sono “fai da te” dal paziente stesso comportando gravi rischi per la salute. L’allarme arriva dal Congresso Nazionale della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg) in corso a Napoli. I dati vengono principalmente dallo studio Reposi su oltre seimila soggetti. Le politerapie, hanno spiegato gli esperti, sono molto frequenti nell’anziano, con due su tre che prendono più di cinque farmaci al giorno e almeno uno su quattro che ne assume uno inappropriato.

In molti casi ogni specialista aggiunge la propria terapia, senza verificare eventuali interazioni con le altre, mentre ci sono anche farmaci non necessari che vengono prescritti. Nel 63% dei casi, ad esempio, gli over 65 prendono inibitori di pompa protonica che non servirebbero, mentre a meno di uno su due viene prescritta una corretta profilassi contro la trombosi. Le interazioni gravi fra farmaci riguardano un over 65 su quattro, con un aumento della mortalità a tre mesi di oltre due volte e mezzo.

Una possibile soluzione? Un “tagliando” da fare alle terapie, in modo da farle diventare personalizzate. “Sicuramente questa personalizzazione non può essere demandata al singolo paziente – spiega Nicola Ferrara, presidente Sigg – ma deve essere gestita dal medico che lo prende in carico”.
A preoccupare è anche l’alto numero di persone che modifica volontariamente le terapie. “Si tratta del più ampio problema dell’automedicazione – aggiunge Ferrara – il soggetto proprio perché capisce che l’alto numero di farmaci lo porta a qualche rischio tende a ridurla da solo. Anche i farmaci da banco sembrano ‘non farmaci’, ma in realtà possono creare problemi quando interagiscono con quelli prescritti”.

Tag: aderenza alla terapia / Geriatria / sigg /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE