In aumento i casi di dengue in Italia

Pubblicato il: 8 Maggio 2017|

In aumento i casi importanti di dengue in Italia nei primi mesi del 2017. A riferirlo è il ministero della Salute che precisa come rispetto al 2016 i casi siano più che raddoppiati: dal 1 gennaio al 3 aprile sono infatti stati notificati 25 casi, circa la metà di quelli segnalati nel corso di tutto il 2016. L’infezione si è manifestata in viaggiatori italiani di ritorno da Paesi infetti o in persone ivi residenti che sono venute in Italia.
La dengue è endemica in almeno 100 paesi in Asia, Pacifico, Americhe, Africa e Caraibi. Si stima che attualmente circa 2,5 miliardi di persone, il 40% della popolazione mondiale vive in aree a rischio di trasmissione di dengue. Il virus è trasmesso dalla puntura di zanzare ed esistono quattro sierotipi virali (DEN-1, DEN-2, DEN-3 e DEN-4). La malattia è detta anche febbre “rompi-ossa”, colpisce neonati, bambini e adulti e può essere fatale. I sintomi maggiori sono rappresentati da una forma simil-influenzale, che dura di solito 2-7 giorni, con febbre lieve o alta invalidante, forte mal di testa, dolore dietro agli occhi, dolori muscolari e articolari e rush cutaneo. La guarigione fornisce immunità permanente contro il particolare sierotipo. Si tratta di una protezione parziale e transitoria ad una successiva infezione da parte degli altri tre sierotipi. È pertanto possibile la reinfezione.   Poiché contro la dengue non è registrato alcun vaccino in Italia, è importante che le persone che intendono recarsi in Paesi infetti applichino le misure di prevenzione personale: informarsi prima di partire sulla situazione epidemiologica del paese in cui ci si intende recare utilizzare un abbigliamento che minimizzi l’esposizione della pelle alle punture di zanzare applicare repellenti sulla pelle esposta o sull’abbigliamento. L’uso di repellenti deve essere strettamente conforme alle istruzioni riportate in etichetta; utilizzare zanzariere trattate con insetticida sia di notte che quando si riposa durante il giorno utilizzare prodotti insetticidi spray, antizanzare o altri vaporizzatori insetticidi negli ambienti interni della casa.
Anche dispositivi, quali zanzariere a porte e finestre e condizionatori d’aria possono ridurre le punture. È bene poi rivolgersi a un medico in caso di insorgenza di sintomi compatibili con la dengue durante il viaggio o al ritorno a casa da aree a rischio di trasmissione.

Tag: dengue / virus /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE