Malaria: combinazione di Sigma-Tau ottiene la prequalifica dall’Oms

Pubblicato il: 13 Ottobre 2015|

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la combinazione anti-malarica diidroartemisinina/piperachina tetrafosfato dell’italiana Sigma-Tau  nella lista dei prodotti del programma prequalifica (The Prequalification Programme), un servizio fornito dall’Organizzazione per facilitare l’accesso dei farmaci, che soddisfino elevati e specifici standard di qualità, sicurezza ed efficacia, destinati al trattamento dell’Hiv/Aids, malaria e tubercolosi. Lo rende noto la stessa azienda, che  insieme ad Alfa Wassermann, fa parte del gruppo AlfaSigma. La lista è diventata negli anni uno strumento per guidare le diverse agenzie o organizzazioni (comprese Unaids e Unicef) nei loro programmi di acquisto di farmaci per i Paesi endemici. Il processo di prequalifica consiste in una valutazione scientifica che include la revisione del dossier, l’analisi del prodotto e l’eventuale ispezione dello stabilimento di produzione. Il farmaco, sviluppato da Sigma-Tau in collaborazione con  la fondazione di ricerca non-profit Medicines for Malaria Venture (Mmv), è approvato in Europa e distribuito in 32 paesi africani da Pierre Fabre. Da diversi anni la strategia raccomandata dall’Oms per il trattamento della malaria si basa sulla terapia di combinazione con l’artemisinina (Act). Di pochi giorni fa l’assegnazione del premio Nobel 2015 per la medicina alla ricercatrice cinese Tu Youyou che è stata la prima a definire il processo chimico di estrazione e purificazione dell’artemisinina dalla pianta Artemisia annua e a dimostrare che questo componente era altamente efficace contro i parassiti della malaria.

Tag: alfasigma / malaria / Nobel / Sigma-Tau /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE