Oms a caccia di agenti patogeni che potrebbero causare futuri focolai e pandemie

oms lista patogeni epidemie focolai
Pubblicato il: 21 Novembre 2022|

È partito il progetto dell’Organizzazione mondiale della sanità per aggiornare la lista dei patogeni su cui porre attenzione perché potrebbero essere la causa della prossima pandemia o di focolai epidemici. L’idea è, una volta identificati, guidare gli investimenti globali e la ricerca e sviluppo (R&S), in particolare nei vaccini, nei test e nei trattamenti.

Inclusa anche la “malattia X”

Per redigere la lista l’Oms, dallo scorso 18 novembre, sta convocando oltre 300 scienziati che prenderanno in considerazione le prove su oltre 25 famiglie di virus e batteri, nonché sulla “malattia X”, che, causata da un patogeno ancora sconosciuto, potrebbe essere l’origine di una grave epidemia internazionale. Gli esperti raccomanderanno un elenco di agenti patogeni prioritari che necessitano di ulteriori ricerche e investimenti. Il processo includerà criteri scientifici e di salute pubblica, nonché criteri relativi all’impatto socioeconomico, all’accesso e all’equità.

L’elenco precedente

L’elenco è stato pubblicato per la prima volta nel 2017 e l’ultimo esercizio di definizione delle priorità è stato svolto nel 2018. L’elenco attuale include Covid-19, febbre emorragica di Crimea-Cong, malattia da virus Ebola e malattia da virus Marburg, febbre di Lassa, sindrome respiratoria mediorientale (Mers) e sindrome respiratoria acuta grave (Sars), Nipah e malattie enipavirali, febbre della Rift Valley, Zika e malattia X.

Sviluppare contromisure

“Prendere di mira i patogeni prioritari e le famiglie di virus per la ricerca e lo sviluppo di contromisure è essenziale per una risposta rapida ed efficace alle epidemie e alle pandemie. Senza investimenti significativi in ricerca e sviluppo prima della pandemia di Covid-19, non sarebbe stato possibile sviluppare vaccini sicuri ed efficaci in tempi record”, ha affermato Michael Ryan, direttore esecutivo del programma per le emergenze sanitarie dell’Oms.

Cosa prevede il progetto dell’Oms

Per quei patogeni identificati come prioritari, il progetto di ricerca e sviluppo dell’Oms per le epidemie sviluppa tabelle di marcia di ricerca e sviluppo, che delineano le lacune nelle conoscenze e le priorità di ricerca. Vengono inoltre compiuti sforzi per mappare, compilare e facilitare le sperimentazioni cliniche per sviluppare questi strumenti. Vengono presi in considerazione anche sforzi complementari, come il rafforzamento del controllo normativo ed etico.

La direzione guida

“Questo elenco di agenti patogeni prioritari è diventato un punto di riferimento per la comunità di ricerca su dove concentrare le energie per gestire la prossima minaccia”, ha affermato Soumya Swaminathan, Chief Scientist dell’Oms. “È sviluppato insieme ad esperti del settore ed è la direzione concordata per cui noi, come comunità di ricerca globale, abbiamo bisogno di investire energia e fondi per sviluppare test, trattamenti e vaccini”. L’elenco rivisto dovrebbe essere pubblicato nel primo trimestre del 2023.

Tag: covid-19 / focolai / malattia x / Oms / pandemia /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE