Prevenzione e stili di vita, a Roma “Due passi in centro” con Federanziani

Pubblicato il: 18 Marzo 2016|

Due passi in centro fanno bene alla salute. È questo, in sintesi, lo spirito dell’iniziativa di Senior Italia Federanziani (“Due passi in centro”, appunto) che farà tappa lunedì 21 marzo a Roma.  La campagna – promossa con il sostegno non condizionato di Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite – vuole evidenziare come una vita attiva possa incidere positivamente sullo stato di salute e sulla qualità della qualità di vita nei soggetti affetti da patologie croniche quali la cardiopatia ischemica cronica, lo scompenso cardiaco e la Bpco.
La campagna si sviluppa in 80 manifestazioni in altrettante città italiane e coinvolge i Centri sociali per anziani (Csa) e gli enti locali. Gode, inoltre, dei patrocini di ministero della Salute, Senato, Agenas, Istituto superiore di sanità, Coni, Anci, numerose Regioni, Province e società scientifiche.  L’iniziativa ha già fatto tappa a Foggia, Pescara, Latina, Matera Frosinone, Torino, Napoli, Udine, Brindisi, Terni, Catania e Perugia.
A Roma l’appuntamento è per lunedì 21 marzo alle 15 in piazza di Sant’Eurosia. Al termine della passeggiata, nel palazzo della Regione Lazio  (Sala Tirreno, Palazzo C II Piano) in Piazza Oderico da Pordenone 15,  i partecipanti incontreranno il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti,  Luca D’Antonio (cardiologo presso Casa di Cura S. Anna di Pomezia) e Salvatore D’Antonio (Pneumologo Dirigente Medico Ospedale  San Camillo Forlanini – Presidente Associazione Pazienti Bpco).  I “senior” romani saranno così informati su come vivere una sana vecchiaia combattendo il nemico più insidioso: la sedentarietà.

Il video della campagna

Tag: FederAnziani / Roma / senior italia /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE