Ricerca: 20 progetti innovativi di Irccs, enti e università incontrano a Roma 15 fondi di investimento

Pubblicato il: 28 Ottobre 2016|

Venti progetti innovativi in ambito pharma e medical device, frutto dell’eccellenza della ricerca italiana, in mostra davanti a una fitta schiera di fondi di investimento specializzati nel settore delle scienze della vita. Con l’obiettivo di valorizzare idee e talenti e l’auspicio di tradurre i progressi della ricerca scientifica in opportunità di business e sviluppo economico. É, in sintesi, il senso di Startup On Stage, una due giorni di “pitching” organizzata da Fondazione ItaliaCamp e Lazio Innova all’interno di Meet in Italy for Life Sciences 2016.

Dalle tecnologie per la chirurgia cardiovascolare ai farmaci con agenti non tossici per le terapie oncologiche, dai tessuti stampati in 3D per la riparazione e rigenerazione della pelle al dispositivo per interpretare i segnali elettrici cerebrali per pazienti con disabilità fisiche, Fondazione ItaliaCamp ha selezionato con Lazio Innova i migliori progetti innovativi provenienti da Irccs, enti di ricerca ed università. E li ha sottoposti all’attenzione di numerosi fondi d’investimento da tutto il mondo: Panakès Partners SGR, Quadrivio spa, Innogest, First Fellow Partners, QRono Inc, Investiere, Health Cup, Main Street Capital Pertners, Sofimac, Omnes Partners, Vexilla AB, Israel Healthcare Venture.

“Come dimostrano tutti gli studi in materia, il potenziale della ricerca scientifica italiana è enorme ma allo stesso tempo dormiente. Possiamo generare impatto economico e sociale per la crescita del Sistema Paese facendo dialogare Ricerca e Impresa” , commenta Federico Florà, presidente di Fondazione ItaliaCamp, intervenendo alla conferenza “Scienze della Vita e Well-being. Verso l’economia della Salute” che si è svolta questa mattina presso il Salone delle Fontane a Roma.

Fondazione ItaliaCamp, come sottolinea Florà, è “da sempre attiva per favorire l’innovazione e l’impatto sociale, per questo stiamo lavorando per valorizzare la ricerca scientifica del nostro Paese focalizzandoci su formazione e sensibilizzazione della comunità dei ricercatori, individuando i migliori brevetti e progetti di ricerca presso aziende e investitori italiani ed internazionali e studiando il miglioramento e la semplificazione del quadro regolamentare”.

Il progetto di valorizzazione della ricerca scientifica nazionale di Fondazione ItaliaCamp è realizzato in collaborazione con il ministero della Salute, il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea). In virtù della stretta collaborazione tra Fondazione ItaliaCamp e il Consiglio nazionale degli ingegneri (Cni), che ha interessato oltre 250 professionisti nel processo di valutazione, è oggi possibile effettuare qualificate analisi tecniche e tecnico-economiche dei progetti oggetto di valorizzazione.

L’iniziativa di “networking e business matching” all’interno di Meet in Italy for Life Science 2016 è stato co-organizzata dalla Regione Lazio, attraverso Lazio Innova, nell’ambito delle attività previste dal programma regionale per l’Internazionalizzazione, in collaborazione con gli attori principali della galassia dove si sviluppa la ricerca, l’innovazione e il business delle scienze della Vita.  In particolare con Unindustria, C.H.I.CO (Cluster of Health Innovation and Community), Enterprise Europe Network, BIC Lazio SpA, ICE – Agenzia, ALISEI (Cluister nazionale Scienze della Vita), Assobiomedica, Assobiotec, Aster, BioPmed – Bioindustry Park, Campania Bioscience, Centro di Biomedicina Molecolare – FriuliVeneziaGiulia, Confindustria Toscana, Cluster Lombardo Scienze della Vita, Distretto Toscano Scienze della Vita, Farmindustria, Fondazione ItaliaCamp, Startup Europe.

Tag: federico florà / Fondazione ItaliaCamp / irccs / Life Sciences / medical device / pharma / startup / valorizzazione /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE