Terapia genica, Aifa autorizza la produzione di farmaci sperimentali all’ospedale Bambino Gesù

Pubblicato il: 14 Luglio 2017|

Farmaci sperimentali per terapie geniche potranno essere prodotti nell’Officina Farmaceutica dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Lo ha stabilito l’Agenzia italiana del farmaco, con un via libera alla struttura della Santa Sede che aggiorna e completa una precedente autorizzazione limitata a prodotti di terapia cellulare non soggetti a manipolazione genica.

Il principale ambito di applicazione di queste terapie avanzate è quello onco-ematologico. Grazie a questo riconoscimento, il Bambino Gesù – spiega l’ospedale in un comunicato – potrà attivare trattamenti con linfociti geneticamente modificati attraverso un recettore (chiamato recettore chimerico antigenico) in grado di reindirizzarne l’azione selettivamente sul bersaglio tumorale.

L’Officina Farmaceutica del Bambino Gesù si estende su una superficie di 1.200 metri quadrati ed è dotata di otto locali asettici destinati alla produzione e al rilascio di nuove terapie avanzate in ambito clinico per malattie che al momento non hanno una cura certa. I farmaci biologici prodotti saranno utilizzati nei prossimi mesi in sperimentazioni cliniche sia nazionali che internazionali.

Tag: Aifa / Bambino Gesù / Officina Farmaceutica / produzione / terapia genica / terapie avanzate /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE