Medical Devices – Un manager per l’accesso al mercato

Pubblicato il: 10 Settembre 2014|

Dal numero 121 di AboutPharma and Medical Devices di settembre

I dispositivi medici faticano a sbarcare sul mercato, la loro disponibilità viene di frequente rallentata da politiche di austerità, intoppi burocratici e amministrativi. La regionalizzazione della sanita ha comportato una moltiplicazione esponenziale degli interlocutori a cui rivolgersi per ottenere i rimborsi dei nuovi prodotti, ritardando l’accesso al mercato dei dispositivi a più alto contenuto tecnologico e di conseguenza penalizzando la possibilità dei pazienti di usufruire di terapie innovative. A frenare l’ingresso dei medical devices sul mercato non e solo il federalismo sanitario, ma hanno contribuito anche i vincoli di bilancio e i piani di rientro; la riduzione dei DRG e le tariffe di rimborso; gli acquisti centralizzati e i prezzi di riferimento come prezzi massimi di vendita, definiti a livello centrale senza negoziazioni; i tagli ai rimborsi. Di questo ha parlato Raffaele Stefanelli, Ad di Boston Scientific Italia al seminario di AboutPharma.

Con l’obiettivo di superare le barriere (legali, istituzionali, scientifiche) che ostacolano o ritardano la disponibilità di un prodotto sul mercato andrebbero incrementate le attività di rimborso e di market access. Ottenere un rimborso adeguato per i dispositivi medici, le terapie o gli interventi e sicuramente importante al fi ne di garantire la qualità e l’innovazione e per poter fornire le migliori opzioni terapeutiche e di assistenza alla popola l’accesso al mercato. Se un tempo l’unico interlocutore in sanita era il medico, ora ci sono nuovi stakeholder che influenzano le decisioni in questo settore e con i quali e necessario confrontarsi. In questo scenario di prove aperte di dialogo emerge chiaramente la necessita di una figura professionale dedicata a “fare sistema” tra le nuove esigenze delle strutture sanitarie pubbliche e l’offerta delle aziende farmaceutiche, utilizzando strumenti di analisi e monitoraggio del mercato farmaceutico, sia dal punto di vista legislativo che tecnico economico.

Questa figura e il Market access manager che affronta i vari aspetti legati alla creazione e gestione delle relazioni con diversi stakeholder, sia pubblici che privati, per offrire migliori prestazioni a pazienti ed operatori, nel rispetto della sostenibilità del servizio sanitario nazionale. Con l’obiettivo di rispondere alle esigenze di un settore che cambia si definiscono nuovi paradigmi di organizzazione aziendale e si affermano oltre al market access manager nuove figure professionali che operano nei seguenti settori: marketing, commerciale, reimbursement and public affairs, health economics e regulatory.

Mentre i professionisti del pharma cambiano d’abito per interagire proattivamente con gli stakeholder istituzionali, sono chiamati a collaborare per costruire un sistema più efficace e sostenibile anche clinici e decisori regionali. Al fine di fornire agli amministratori locali le evidenze necessarie per poter allocare i fondi secondo criteri di appropriatezza, il clinico deve essere coinvolto nel processo di approvvigionamento perchè conosce i bisogni dei pazienti, l’utilizzatore finale ed e cosciente delle sua capacita di usare un determinato strumento; e nel processo di rimborso perchè e l’unico ad avere le competenze per valutare l’efficacia clinica e la cura adeguata.

L’approccio al market access per i medical devices e un lavoro a lungo termine che coinvolge ogni singolo elemento del sistema sanitario: monitoraggio dello scenario locale; definizione delle strategie regionali, sviluppo di knowhow e relazioni; gestione efficace delle gare; definizione di strategie di dialogo con le istituzioni e avvio di studi pilota e programmi regionali.

Tag: Boston Scientific / dispositivi medici / job in pharma / Market Access / medical devices / UPS /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE