Ebola: colpito infermiere di Emergency tornato in Sardegna dopo aver lavorato in Sierra Leone

Pubblicato il: 12 Maggio 2015|

Un professionista sanitario di Emergency, che ha prestato servizio in Sierra Leone, è risultato positivo al test Ebola eseguito nel pomeriggio di oggi presso il centro “Lazzaro Spallanzani” di Roma su un campione di dsangue arrivato oggi dalla Sardegna. A darne notizia è un comunicato della Salute in cui si spiega che ad essere colpito dal virus è stato un infermiere rientrato in Sardegna l’8 maggio dopo aver lavorato nel Centro di cura dei malati di Ebola in Sierra Leone. L’operatore – che ha effettuato l’automonitoraggio delle proprie condizioni di salute, come previsto dai protocolli del ministero della Salute e di Emergency – ha manifestato i primi sintomi nella tarda serata di domenica scorsa ed è stato ricoverato presso il nuovo reparto di malattie infettive dell’ospedale di  Sassari, è adesso in attesa di trasferimento all’Ospedale “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

Il trasporto, organizzato d’intesa tra il ministero della Salute e quello della Difesa, viene eseguito dall’Aeronautica Militare in alto biocontenimento, seguendo le stesse procedure già attuate nel novembre scorso per il medico siciliano colpito dal virus e poi guarito: è stata attivata la rete di emergenza della Prefettura di Sassari e del Comando Carabinieri del Nas, mentre e ministero della Salute e Aifa hanno già predisposto le misure necessarie per rendere disponibili presso lo Spallanzani i farmaci sperimentali previsti  dai protocolli.Il primo bollettino medico, come da prassi, verrà emesso a cura dei medici dello Spallanzani.

 

Tag: Ebola / Emergency / infermiere / salute / Sardegna / spallanzani /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE