Gastroenterologia: accordo Italia-Argentina per la cooperazione

Pubblicato il: 10 Febbraio 2015|

L’Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti ospedalieri (Aigo) ha siglato a Buenos Aires un accordo internazionale di cooperazione con la Sociedad argentina de gastroenterología (Sage), la principale associazione medica dei gastroenterologi in Argentina. Grazie a un “protocollo di mutua cooperazione” tra le due società scientifiche, sarà possibile, tra le altre iniziative, finanziare scambi di giovani gastroenterologi per periodi di formazione, avviare studi clinici congiunti tra Italia e Argentina per stabilire l’incidenza di specifiche malattie o per la sperimentazione di farmaci, stilare in maniera congiunta tra le due società protocolli che definiscano le migliori linee guida secondo cui trattare specifiche patologie.

“Grazie a questo accordo – sottolinea Antonio Balzano, presidente Aigo –  le nostre società si adopereranno per mantenere una stretta cooperazione nelle diverse aree della gastroenterologia, sia nel campo della clinica gastroenterologica, sia nelle aree di ricerca e della formazione, sia nella realizzazione delle buone pratiche della gastroenterologia per nostri specialisti. In entrambi i Paesi le malattie dell’apparato digerente rappresentano alcune delle patologie più rilevanti: per esempio in Italia costituiscono la prima causa di ricovero con oltre un milione e mezzo di ospedalizzazioni all’anno”.

Nel dettaglio l’accordo prevederà anche l’organizzazione congiunta di conferenze su temi specifici, quali la creazione e l’organizzazione di reti di emergenza in gastroenterologia, le più recenti scoperte scientifiche per l’individuazione precoce del carcinoma del colon retto e l’utilizzo di diversi tipi di alimentazione nella storia naturale di diverse malattie digestive).

Tag: Aigo / Antonio Balzano /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE